I Fichi

immagino campi.
immense distese di lavanda.
e poi rido….mphf, ihihihihiahahahhehehehehhoohohoh.
se fossi davvero in un campo di lavanda comincerei a starnutire e gli occhi mi si gonfierebbero e non la smetterei più di soffiarmi il naso e di asciugarmi gli occhi, fino a diventare un'ammasso di cartilagine rossa ed infiammata e nessuna crema idratante/lenitiva riuscirebbe a darmi sollievo.
in questi casi il mio nick di messenger diventa "Crystal morente di allergia" e mi sento morire un po' davvero.
immaginando una distesa immensa di cespugli di lavanda, che creano onde, che sembrano uno scampo di velluto a coste -color lavanda, appunto- visto con gli occhi di una formica.  – si, è il desktop di windows seven-
"Crystal morente di allergia" è un nick che appare spesso. Sono allergica a moltissime cose.
mi basta una macedonia per stirare le zampe, e dire ciaociaomondo.
e di recente, basta una fava-il legume, che ti credi!!-.

così pensavo…
in fondo immaginare, non comporta alcun rischio.
ed è per questo che alcuni si fingono chi non sono, vivono vite parallele dietro ad uno schermo del pc, dove tutto è protetto, riservato, e puoi inventare quello che ti pare ed essere chi vuoi essere, senza comprometterti.
in fondo è facile:
ti inventi il personaggio, i personaggi, crei un e-mail e il gioco è fatto.
sicuramente è meglio dei giochi in scatola -ma non meglio del Monopoli, chiaro!-.
E' un gioco che si può fare da soli o in coppia, è un modo per mostrarsi, un modo per sentirsi fiQui…
magari non con personaggi completamente inventati -che poi ci si distacca dalla realtà e poi non si trova la forza per entrare nelle proprie scarpe la mattina- ma orchestrando  verità omesse, dichiarando false prefenze e mostrando solo quello che si vuol far vedere perchè  "in linea con il personaggio".
la verità è figlia del tempo, e dopo poco si risulta soltanto ridicoli.

…e la mia lingua percepisce l'impellente esigenza di vibrare: PRRRRRRRRR!    

gioco di ruolo.
vite di ruolo.
nàh, che schifo.
le etichette lasciamole ai barattoli perfavore.
Ennò!  i fiQui sono quelli che adorano schiaffarsi in fronte delle belle etichette, magari con un codice a barre e la data di scadenza.
così se il personaggio scade -e io sento la puzza fin da qui- vi aprite un altro blog e si ricomincia.

nulla di male, nulla di dovuto, s'intende…!
che male c'è?
mah niente, è la mia sindrome premestruale che scrive.
Pardon, è la mia sindrome premestruale che ordina alle mie dita di scrivere, in barba alla pignoleria!
-è che mi sento un po' scema, invece che sparare minchiate a raffica, a preferire il silenzio…ma fossi stronza pure io?-
del resto questo blog, è fatto per i miei giri di parole, quei giri che nessuno vuole ascoltare perchè <&lt;..dici una cosa e nel frattempo ne hai pensate altre 199, e non ti si riesce a seguire…>&gt; ma che magari qualcuno vuole leggere.
Forse a leggerlo, quello che penso non risultà poi così insensato, o "inafferrabile&quot; oppure è peggio.(?)

fondamentalmente parlo a me stessa.

fondamentalmente volevo chiudere, un discorso aperto e mai chiuso, se non con infantilismo.
lo faccio generalizzando fino all'estremo, ipotizzando un' eventuale verità che mai riceverò in cambio.
ma se potessi scegliere preferirei un naso nuovo per annusare la lavanda senza mandare in choc le mie vie respiratorie.

e pensandoci bene…
io infatti, posso benissimo immaginare distese di lavanda, avere un desktop con una distesa di lavanda. indossare pantaloni di velluto a coste color lavanda,
ma non potrò mai sentirne il profumo.
chi vuol intendere…
…ha inteso bene!

Ex abundantia enim cordis os loquitur<–daccordissimo!

17 comments
  1. Letto il titolo del post e le prime righe pensavo che l'idea fosse quella di trovarsi in una distesa di fichi (i frutti, o fiori, per correttezza agricola, non i blogger costruiti ad hoc), e devo dire che ho letto fino all'ultima riga nella speranza che vi fosse presenza di tali delizie naturali… piccola delusione, niente fichi (nemmeno quelli da blog, a parte me ovviamente).

    Comunque buone elucubrazioni, io ho smesso, mi fanno diventare cieco.

  2. La mia allergia non è così fantasiosa… 😉

  3. Yo sorella! In alto i calici 😉

  4. E' la prima volta che leggo il tuo blog. Ho letto questo post credo con qualche pregiudizio e molto en passant. Sono arrivata alla fine e mi hai stupita. Complimenti per la metafora, ci sono arrivata solo con le ultime righe e, anche se non so a cosa possa essere riferibile per te precisamente, posso immaginare, e anzi, immergermici e farla mia, applicandola alla mia esistenza.
    Come diceva la mia professoressa, un poeta è bravo quando, parlando di sé, parla di te.
    Un saluto

  5. detesto cadere nei luoghi comuni senza avere la panoramica completa delle cose, ma se il 1992 indica il tuo anno di nascita…
    io sto imparando i primi passetti, ma  tu devi ancora passare ai cibi solidi.
    probabilmente quando ti staccherai dal ciucciotto, capirai.
    :/

  6. te sei una fiQua ragazza mia!

  7. I fiqui fan bene alla vista…. gli uccelli ne mangian quintali e quasi nessuno ha gli occhiali.

  8. Vorei almeno credere che le "vite di ruolo" – come bene dici – traggano sensi e carne da qualche idea di sé, o gesto e viso smarrito, da Sé: sarrebbe, e qualcosa: e non il puro niente che ci assiste (anche oltre lo schermo)… Sarebbe almeno un progetto di essere… Legger il/del progetto di un essere sarebbe toccare una voce…

  9. Guardare il mondo dalla finestra di un acquario…

  10. ho usato la mia allergia per creare una metafora…

  11. eh, io, non conoscendoti, non posso capire la tua frase finale, su chi può intendere. Però, non capisco una cosa: da un lato , mi pare di capire che adori la lavanda ma, dall'altro, se dici che inizieresti a starnutire, mi viene da dire che ne sei allergica. Oppure, è tutta una metafora?

  12. vedi ad avere il mac?

  13. Semplicemente complimenti… nel leggerti sentivo il profumo della lavanda e mi ci immaginavo dentro fino al collo a testa all'ins&ugrave; in piena libertà….

  14. Diceva il saggio: " chi vuol intendere in-tenda, gli altri in roulotte!!!"
    Per il resto, approvo il senso del tuo post. E ora me ne vado in roulotte! Besos 🙂

  15. eheh..il profumo sintetico contiene una sostanza che mi da' l'orticaria!
    sono noiosa, si…!
    grazie per il pensiero cara Erre…
    Zero le mie intenzioni sono sempre molteplici e segrete, ne hai scovata una Lince! XD

  16. e se corspagessi i tuoi pantaloni di velluto di essenza alla lavanda?eheh 😉

  17. All'inizio mi era sembrato creativo, poi sempre più un dato di fatto, per finire alla Schopenauer. Se l'intenzione era di confondere qualcuno senza confondere ci sei riuscita.
    Tornerò a trovarti.
    Fabio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *