Babele 2000

<<la verità è che non sei forte abbastanza.>>


Oggi, sedici anni.
Sedici come la Torre.

“Non ho più lacrime, sono troppo magra, ho smesso di giocare e non mangio mai. 
Ma faccio finta che vada tutto bene.
ho fatto finta per due anni;
è l’anno 2000, e non so ancora cosa vuol dire morire.”

Ho incontrato la morte e non l’ho riconosciuta.
Costruendo la mia torre ho provato a raggiungere chi mi aveva lasciato in cerca di pace.
io che non volevo sapere cosa vuol dire morire , desideravo  disperatamente che tornasse a vivere.

  Così ho smesso di sentire, ho smesso di capire, ho creduto soltanto: ed è stata la fine.
Ho ceduto alla sua menzogna, era gentile e voleva aiutarmi.
  nell’ombra dei pomeriggi di sette stagioni, 
 mi ha chiesto di rinunciare all’amore per amor suo.
  e ho dovuto  rinunciare all’anima, per sfuggire allo scempio.
  e alla voce per scrivere con inchiostro invisibile.

<<rinuncia a te stessa e potrà ritornare.>>

è l’anno 2000 e sto scappando in strada perché ho paura.
non riesco a rinunciare all’amore.
corro così tanto che non ce la faccio più e cado mentre fuori è festa.
non sono forte abbastanza, sono una vigliacca egoista.

è il 6 febbraio dell’anno 2000
e quella che oggi è una ferita aperta, 
rimarrà per sempre una cicatrice.
Ma sul mio Ego c’è uno squarcio peggiore,
qualunque fosse stato il mio sacrificio non avrebbe cambiato nulla.
oggi ho imparato cosa vuol dire irreversibile.

irreversibile ha il sapore della morte.

Se abbassi la guardia, Magari vedi qualcuno.

…e la polvere spera di impadronirsi di me; spera di ricoprire ogni centimetro, così da nascondermi al mondo, così da potreggermi per sempre.

restare anche se non si ha alcuna ragione per restare.
vorrei piangere ma cerco di rimanere elegante.
l’eleganza mi salva, l’ipocrisia m’aiuta
non c’è bisogno di spiegarvi perché ho infine desistito;
 le mie ferite sono invisibili,
e del mio incidente non c’è traccia.

alla Papessa o a Penelope non importa dove vada quell’essere.
loro stanno andando nella direzione opposta.
non importa dove, non importa quanta strada faranno e non importa nemmeno con chi dovranno avere a che fare.

purché le divergenze diventino solchi profondi come  gli abissi,
purché il buio inghiotta il caos.

una doppia vita, doppi problemi, un’unica disperazione



La crudeltà subita dai Fantasmi

Il mondo e lo spirito si divisero inesorabilmente.
quando la partenza fu confermata, le anime si strinsero in un’addio lungo un secolo.
Ma nonostante tutto, un secolo non fu nulla.

Ho sognato che eravamo nella tua casa, la tua casa nuova.
C’erano i fantasmi. 
erano in cucina, in salotto, in bagno e nella camera da letto, erano anche negli armadi a muro e nascosti dietro le tapparelle. Facevano ombra quando passavano davanti ad una fonte di luce e c’era anche un’orchestra fantasma che suonava sul divano. Suonava un Concerto Grosso.
Io sono entrata nella camera che poi sarebbe diventata quella dei tuoi bambini.
  C’era una vecchietta carina, una nonnina con i suoi nipoti ormai grandi; Sua figlia un tempo aveva abitato questa casa con i figli: un maschio e una femmina perfetti. 
 Ci ha raccontato che suo nipote – il maschietto– si era innamorato di una bambina fantasma che abitava la casa.
 Ho pensato subito che  fosse romantico.
Ma lei poi aveva esultato soddisfatta, ci disse che era stato facile fargliela dimenticare.
Era bastato distrarlo.
Poi è cresciuto, e anche se lei non era sparita lui non la ascoltava più.
lei esisteva ancora, cercava disperatamente che lui la guardasse ma questo non succedeva.
Nel frattempo la bambina viveva la sua vita di fantasma,
 amareggiata e sola affrontava i problemi tipici dei fantasmi, 
che se ci togli il fatto che puoi oltrepassare i muri, sono uguali a quelli dei vivi.
Ci sono rimasta male e ho detto subito alla vecchietta quanto tutto questo fosse incredibilmente crudele e triste. 
La vecchietta è rimasta indifferente e io mi sono svegliata con la sensazione di aver subito un’ ingiustizia.

non possiamo uccidere tutto ciò che odiamo,
e non possiamo essere amati da tutto ciò che amiamo.
possiamo vivere e accettare che ci sono cose nel mondo che possono estinguersi
 e altre che possono vivere per sempre.

 tutte le cose hanno un senso.

 tutte le cose hanno un peso.

e noi diventiamo fantasmi soli, di cui non frega un cazzo a nessuno.


Sposa Perfetta

se qualcuno ha qualcosa da dire, non lo faccia ora e taccia per sempre.
soffocate l'impellente esigenza di liberare il cervello, occultate tutto nel profondo.
Se parlate, salterà fuori il pensiero e allora ci saranno colpe da espiare.
Lasciate che l'idea marcisca.
che puzzi, come infondate calunnie, forse qualcuno allora ne sentirà il tanfo,
e se ne accorgerà.
La verità -e anche qualcos'altro- viene sempre a galla.
(probabilmente)

se la sofferenza potesse parlare…! quante cose direbbe?
ci direbbe di ogni piccolo male, o non se ne curerebbe a vantaggio del male maggiore?
oppure lagnosa e cantilenante amplificherebbe ogni minimo cruccio tramutandolo in un immenso calvario?
la tua sofferenza com'&egrave;?
prioritarià o vittimista?
somatizza?
somatizza, si.
le lacrime, le lacrime che ruolo hanno?
il Pianto emozionale:
il pianto per ricatto, il pianto disperato, il pianto soffocato, il pianto liberatorio, il pianto antico…
…anche noi abbiamo perso dalla nostra pianta l'estremo e unico fiore?
splendente è l'asfalto su cui cammino, impellente la mia esigenza di parlare.
E soffoco, mi manca l'aria!
ma preferisco soffocare, ho sempre odiato dover sprecare il tempo.
senza aver mai scelto prima come reagire veramente, libera di rimanere in silenzio.
Lasciando che tutto marcisca.
  Non ne voglio proprio sapere, tu sai qual'&egrave; la verità, tu pagherai le conseguenze delle tue immani cazzate.
così, una dietro l'altra, le vedrai per quello che sono e te ne vergognerai.
la bellezza di cui ti senti circondata, la delicatezza del tuo animo ben costruita, un bel rivestimento che non è nient'altro che una patina splendente.
laccando il tuo ego, pronunciando parole che non ti appartengono.
ma l'essenza, quella che conta, è un'altra.
è tutto diverso, e tu menti, lo neghi, pervasa dal tuo delirante fascino.

tu donna da sposare.
e il tuo velo sarà la vanità,
al posto dei fiori, stringerai in mano ricatti.
e sul tuo vestito, ricamerai ogni vizio.
 Con la fisima di essere pura, ti proporrai perfetta.

Una bella sposa perfetta
abile nel sindacare sull'operato altrui, abile a nascondere i propri torti.
una sola parola echeggia nell'aria:
Fottiti.

 
…e tutto questo scaturisce dalla paura di rovinare le cose, dal desiderio di evitare che tutto si schianti velocemente, evitanto che si consumi senza aver pregustato prima la mia vendetta.
questo mi chiedevo mentre ieri mi si conficcava sotto l'unghia un pezzo del carrello metallico che ci fa aprire i cassetti. (con una forza pari a quella che si usa quando hai fretta di frugare negli sportelli perchè ti si brucia la cena) e adesso, picchettando sulla tastiera, a  continua memoria, fa male, e mi ricorda che una volta ho provato più male.

Le Tessitrici

…e crederti adesso non è più possibile.

nella stanza da sola, tu sai quanto è vera la tua pelle.
non vale niente, niente, niente.

Le Tessitrici…
tessono inganni, supplizi, danni.
intrecciano nelle loro menti trame intricatissime con filamenti d' invidia  e con ferri forgiati dall'odio.
…con l'eterna voglia di primeggiare, al primo accenno di inferiorità sminuiscono con crudele sapienza  quanto vi è di più caro per colei che le ha fatte sentire tanto inferiori.
secoli di sottomissione e di inaneguatezza ci hanno portato a perdere la genuinità consentendoci di sviluppare
una strana consapevolezza, una maligna capacità di sopravvivenza.
ma non si è capaci di sopravivvere ai propri difetti.

capite.
capite mie care Tessitrici,
che mortificare gli altri mentendo a voi stesse, non vi allungherà le gambe, non vi darà una folta chioma, delle ciglia lunghe e delle tette enormi.
il culo basso, non ve lo alza nessuno.
capite.
  Io all'amicizia ci credo, ci credo fermamente.
se mi dici una cosa e sei mia amica io ti credo.

tessendo un mendacio da farmi indossare per sentirvi più belle.
…ma spesso mia cara Tessitrice, dici delle cose senza senso, dove lasci trasparire quanta poca obiettività possiedi.
ed ecco che…
…un vestito mi sta male solo perchè sta male a te.
…è un problema se indosso sempre la gonna? perchè?
a quanti perchè non hai saputo rispondermi?

un elenco infinito di episodi, almanacco di battute esilaranti che sottolineano l'assurdo.
contare fino a dieci oggi non basta, ho perso la pazienza.
Tessitrici, abili nel criticare aspramente senza ritegno alcuno  qualcosa che nel segreto del vostro animo bramate, strappatevi gli occhi, non mi dovete più vedere, il vostro parere dato via senza che possediate capacità di analisi alcuna non è gradito.
e io…che credevo…che me ne convincevo…persuasa.

a volte penso che la convinzione sia davvero qualcosa da far curare, credo che possa essere definita alterazione della realtà oggettiva.
…è più facile svalutare gli altri che lavorare per valorizzare se stessi, mh?

tutte le donne sono potenzialmente delle tessitrici…
io ho deciso che sciopero.
lavorerò sull'autarchia.

avrei altro da dire, ma sono arrabbiata.

…cara…! so che leggerai,
e me ne compiaccio.