BLU

<<l’attimo in cui il respiro si apre e quello che mi fa più paura.
vorrei smettere di respirare, diventare blu, per impedirti di entrare.>>

Penelope ha ripreso a piangere, forse non ha mai smesso.
ha imparato a tacere anche con se stessa.
Del resto il blu è sempre stato il suo colore preferito.
purché non sia quello delle rose.

Nel sogno di questa notte avevo capito tutto.
ripetevo a me stessa che il tempo è passato.
 E quello che non salva la sorte, deve disperdersi.
il disamore è inevitabile.

Ci avevo già fatto i conti una volta, avevo smesso, avevo vinto. 
Ulisse è  diventato nessuno.

 Ma il coniglio, che era di passaggio, ha messo radici e ha  fatto la tana;
     e io posso non sapere tante cose, posso essere esclusa ed astenermi. 
 Una cosa però la so: deve sparire dal mio cuore.
gliel’ho promesso.

Tanta consapevolezza, eppure  sono ancora qui, ad aspettare.
Non cambierà mai,
ma sono così brava a scriverlo nel ghiaccio.
sono così brava a vomitare e dimenticare.


Alcune cose durano per sempre, 
comodamente, come scale a chiocciola che continuano a girare su se stesse,
 e mi gira la testa,
 e divento blu.

e forse è per questo che il blu mi piace così tanto.




LOOP


frequenta la scuola del diavolo, impara a distinguere gli incubi dai  bei colori sgargianti.
immobilizza la tua anima e costringila a guardarti.


…e il cavaliere di spade decise la sua mossa.
ad uno ad uno tagliò i cavi.
ma tutto si rivelò più solido del previsto.

 le ore incantate dell’isola felice, 
non sai quando arrivano, 
non sai quando ti verranno negate.

fugga il codardo, inseguendo le ore incantate.

fugga inseguendo l’ora d’oro.
sparisca con le mani nel sacco.
sparisca carico d’amore e pentimento.


Il tempo è il giudice supremo della persistenza dei miei desideri.
 l’ho imparato nel biennio 1998 – 2000, la mia torre peggiore.
per questo, il tempo mi ripagherà, mi aiuterà a dimenticare.
il tempo me lo deve.


sparisca dal mio cuore.

Possa io distruggere all’infinito.

Se abbassi la guardia, Magari vedi qualcuno.

…e la polvere spera di impadronirsi di me; spera di ricoprire ogni centimetro, così da nascondermi al mondo, così da potreggermi per sempre.

restare anche se non si ha alcuna ragione per restare.
vorrei piangere ma cerco di rimanere elegante.
l’eleganza mi salva, l’ipocrisia m’aiuta
non c’è bisogno di spiegarvi perché ho infine desistito;
 le mie ferite sono invisibili,
e del mio incidente non c’è traccia.

alla Papessa o a Penelope non importa dove vada quell’essere.
loro stanno andando nella direzione opposta.
non importa dove, non importa quanta strada faranno e non importa nemmeno con chi dovranno avere a che fare.

purché le divergenze diventino solchi profondi come  gli abissi,
purché il buio inghiotta il caos.

una doppia vita, doppi problemi, un’unica disperazione