Non è stato il coltello, è stata la lama.

il  quattro di coppe disse: 
“il fiato può mancare anche quando respiri l’aria più pura. “
e il sette di spade rispose: 
” in fondo ognuno tira l’acqua al suo mulino.”

C’è chi dice che ogni cosa che ci succede dipende da noi.
lo dicono quelli che si illudono di avere il controllo.
la colpa può essere un lascito.
E allora bisogna capire chi ha sbagliato, dov’è il punto di rottura, 
da quanto tempo non eravamo nel giusto 
e dov’era l’orlo di quell’abisso.

ognuno possiede una colpa.

   La mia colpa è l’aver accettato le cose,
 l’aver deciso di restare a guardare si è rivelato più doloroso di qualunque battaglia.
 Non riuscirò ad entrare, non riuscirò a capire.
Sono stata trascinata giù da qualcuno, ho trascinato giù qualcun altro.

vivrò al buio e sarò io a diventare buio.
sarò una ladra,
 ma rimarrò fuori dalla porta.

sarò un cane, 
e nessuno mi parlerà perché penserà che tanto io non possa capire.
stavolta Ulisse non è nessuno.
Penelope è esausta o forse è morta, non lo so, non mi interessa. 

Sii il tuo Dio,
io sarò il prezzo che non pagherà mai.

Nichilismo et Speranza

...è crollato tutto, non c’è più un posto sicuro.
 Né un posto da dove partire né un posto dove tornare.
non è rimasto niente.

ci sono solo io, quasi indenne.
e lentamente si sa, i detriti verranno spostati dal vento;
qualcosa ricomincia, ma non è detto che sia meglio.
 C’era un tempo in cui avrei potuto dire di esser sicura, 
invece adesso non vi è una sola certezza che possa consolarmi, un monito, uno spiraglio.

dove c’era pace, ora c’è una profonda ferita lacero contusa.

Il senso di abbandono si fa spazio e non mi lascia respirare.
un’altra volta.
come sempre.
nuovamente.

convincimi tu che andrà bene.
va tutto bene.
tutto.
se è questo quello che devo sopportare, sopporterò.

alla fine hai vissuto cose ben peggiori, no?

è per questo credevo di aver finito e invece le mie speranze saranno 
ancora una volta irrimediabilmente vane.
Vane come tutte le cose irreversibili.

 E la parola irreversibile ha il sapore della Morte.

ma la Morte, in fondo, è solo qualcosa che muta forma.
in fondo Morte vuol dire nuova  forma (di Vita).

 Ma che senso ha un’ altra vita?
la mia vita è ora è qui!
non ce ne sono altre perché non me lo ricorderò.
non sarò Io mai più.

Sindrome

Quando tutto questo crollerà,
…scenderà di corsa diecimila scalini, 
poco prima che tutto precipiti,
 e ne uscirà indenne.

e quello che sento è un peso.
il peso di mille macigni,
il peso di mille blocchi di marmo,
il peso di tutto il materiale che è servito a costruire la mia fortezza.
il peso di tacchi a spillo lucenti che calcano sulla pelle calda.

…aspetta di nuovo qualcosa Penelope.
aspetta alla finestra,
immaginando le scie dei venti che portano profumi che non annuserà mai.
niente è stato tessuto, non ce n’è stato il tempo.
niente è stato scucito, non ce n’è stato il cuore.

Impugnerà una spada invisibile e si scaglierà contro chi si avvicina nella sua direzione.

Amico o Nemico che sia.